La mastoplastica additiva: intervento per aumentare il volume del seno

In che cosa consiste l’intervento?

La mastoplastica additiva è quell’intervento che consente di aumentare il volume del seno piccolo o addirittura inesistente, grazie all’impiego di una protesi al silicone nella forma e nelle dimensioni più adatte all’intera struttura costituzionale

Come si esegue?

Dopo approfondite indagini cliniche e dopo aver pianificato l’operazione attraverso la documentazione fotografica, eseguo l’intervento inserendo la protesi attraverso una sottile incisione (appena 3-4 cm). Tale incisione, avviene nel solco sottomammario, in modo tale da ottenere la maggior naturalezza del seno e da rendere pressoché invisibile la cicatrice nel giro di qualche mese. LA protesi viene sistemata in una cavità ricavata posteriormente ai muscoli ed al di sotto della ghiandola mammaria che non subisce alcun trauma dall’intervento.

Comportamento post-operatorio

Per i primi giorni bisognerà evitare quei movimenti che comportano bruschi spostamenti della spalla e sollevamento delle braccia che potrebbero danneggiare la cicatrizzazione e, per circa due mesi, bisogna sospendere qualsiasi attività sportiva.

A partire dal quindicesimo giorno dopo l’intervento, la paziente dovrà eseguire alcuni massaggi al seno.

Di che misura deve essere la protesi?

Della misura più adatta a mantenere l’armonia dell’intera figura: un seno enorme, sarebbe inestetico in un corpo minuto. Comunque, ci sono precise misurazioni del torace da considerare per stabilire l’esatta dimensione della protesi da impiegare.

Di cosa sono fatte le protesi?

Quelle in uso oggi sono costituite da un involucro di materiale inerte contenente gel di silicone che conferisce al seno un aspetto ed una consistenza alla palpazione assolutamente naturali. La protesi è ben tollerata dall’organismo che la isola producendo intorno ad essa, una vera e propria capsula di tessuto fibroso in modo che nessun elemento estraneo possa entrare in contatto con l’organismo.

Le protesi sono pericolose?

No, mai. Negli studi effettuati in tutto il mondo, non è stato mai registrato un caso di tumore per la presenza di una protesi, né questa ha mai costituito un ostacolo per visite accurate alla ghiandola mammaria.

Cosa succede in caso di gravidanza o di allenamento?

Non ci sono problemi, dopo una mastoplastica additiva una donna può tranquillamente avere figli ed allattarli normalmente perché la protesi può essere lasciata al suo posto senza creare alcun fastidio.

Quanto dura l'intervento?

Dura all’incirca una mezz’ora.

Che tipo di anestesia si utilizza?

Generalmente si opera in anestesia totale.

In che età si può eseguire l'intervento?

L’intervento può essere praticato in qualsiasi età, una volta terminato lo sviluppo.

Quanto dura la degenza?

Di norma, non supera le 5-6 ore, si può tornare a casa la sera stessa.

Contatti

Di seguito troverà i riferimenti privati del Dr. Pignata:
Phone: 335 66 21 643
Email: info@camillopignata.it

Ospedale Internazionale

Phone: 081 761 2060
Indirizzo: Via Tasso, 38, 80121 Napoli